Il vantaggio della coltivazione del tartufo è anche dovuto al fatto che cresce bene anche in terreni ritenuti poco produttivi per le colture tradizionali, quali i terreni in pendenza, sassosi o marginali.
I fattori più importanti per la coltivazione del tartufo, oltre al terreno, sono il clima e naturalmente la giusta scelta della pianta simbionte (piante boschive tipiche della macchia mediterranea), risultante da una specifica analisi chimica del terreno.italia
La coltivazione del tartufo è possibile nella quasi totalità del territorio nazionale, tanto che si fa prima a dire dove non cresce. Infatti, quando abbiamo tolto le spiagge, le rarissime zone paludose, le aride cime dei monti e le zone al di sopra dei 1000 metri s.l.m., possiamo coltivarlo dappertutto (vedi cartina nella pagina).

L’oro nero, così è anche chiamato il tartufo, a motivo del suo elevato valore gastronomico ed economico che non ha uguali in agricoltura, è sempre più richiesto, non solo sul mercato interno, ma anche in tutto il mondo. Quello italiano, come il tartufo bianco d’Alba, il tartufo nero di Norcia, il tartufo nero di Acqualagna e loro sottospecie sono i più apprezzati in assoluto.
La nostra Associazione è specializzata non solo nella produzione delle piante micorrizzate al tartufo, ma offre anche tutta l’assistenza necessaria per la coltivazione del tartufo, seguendo l’associato in tutte le fasi, come la preparazione del terreno, la messa a dimora, lo sviluppo delle piante stesse nonché la raccolta e la commercializzazione del prodotto con pagamento in contanti del prodotto ritirato.

tartufaia

Per poter progettare una tartufaia che sia degna di questo nome e che dia quindi anche il dovuto raccolto al termine previsto, bisogna accertarsi che il terreno sia idoneo a tale scopo e ciò si può verificare con una analisi accurata del terreno così che perlomeno il primo passo è stato fatto. Sicuramente il fatto che ci si trovi in una zona conosciuta come produttrice di questo o quel tartufo può giocare in nostro favore, ma spesso anche in terreni confinanti si possono trovare delle differenze sostanziali dipendenti dai più svariati fattori. Un terreno che si vuole destinare alla coltivazione del tartufo deve comunque essere libero da altre piante arboree ed avere disponibilità d’acqua, meglio se incolto da molto tempo.

Vuoi maggiori inforamzioni su come iniziare la tua coltivazione di tartufo?

Compila il FORM e esperto tartuficoltore da noi incaricato, senza impegno da parte tua,
si metterà in contatto con te per farti toccare con mano quanto sia facile e interessante coltivare il tartufo.

Anche tu puoi raccogliere il tartufo che hai prodotto!