TUBER AESTIVUM VITTADtuber-brumale

(TARTUFO SCORZONE)

DESCRIZIONE:

L’’ odore è gradevole e delicato e ricorda quello delle nocciole.
L’’ epoca principale di maturazione va da giugno a settembre.

CARATTERISTICHE:

I carpofori sono di medie dimensioni e variano da quelle di una noce a quelle di un’’ arancia.

Tollera i terreni argillosi, superficiali e sopporta contenuti di sostanza organica elevati. tuber-magnatum-italiaAnche da un punto di vista climatico è meno esigente di T. Melanosporum. Si adatta sia al clima mediterraneo, sia quello continentale e sopporta bene anche le basse temperature.
Si può legare in simbiosi micorrizica con numerose piante, querce, carpini, noccioli e pini. Forma anch’’esso pianelli (bruciate), seppure meno evidenti di quelli del tartufo nero pregiato.

DISTRIBUZIONE:

In Italia è presente ovunque si trovino terreni calcarei. Può svilupparsi indifferentemente su terreni derivati dal disfacimento di rocce calcaree del Primario, del Secondario e del Terziario, e sui terreni fluviali e colluviali del Quaternario dalla pianura fino ai 1000 m s.l.m.

LA MICORRIZA:

Il Tartufo SCORZONE forma micorrize con numerose piante, quali:

– Querce (Q. pubescens, Q. cerris, Q. robur)

– Nocciolo (Corylus avellana)

– Pino nero (Pinus nigra Arnold)

– Carpini (Carpinus betulus, Ostrya carpinifolia)